Portafogli uomo ultra-slim: migliori prodotti di Agosto 2020, prezzi, recensioni

Il portafogli per un uomo è un accessorio irrinunciabile, ma il portafogli ultra-slim costituisce un geniale compromesso tra utilità, design e comodità. Vediamo insieme come scegliere il migliore portafogli ultra-slim per concederci finalmente un regalo ben riuscito!

 

Perchè scegliere un portafogli ultra-slim?

Il disegno ultra-slim o ultra-sottile  è un classico rimedio “salva-spazio”: se i portafogli di taglio classico sono generalmente abbastanza spessi, quelli ultra-slim dovrebbero rimanere sotto la soglia dei 2 cm o anche di 1 cm.

Il vantaggio fondamentale a cui i portafogli ultra-slim si adattano è quello di poter entrare agevolmente nella tasca dei pantaloni o nelle tasche di giacche e cappotti: è proprio per venire incontro a questa esigenza che sono stati creati.

Quello sgradevole effetto delle tasche gonfie, infatti, non solo è antiestetico, ma è nostro nemico perché segnala senza ombra di dubbio ad un eventuale borseggiatore dove si trova l’oggetto del suo desiderio…

I portafogli ultra-slim, essendo prodotti del comparto della moda, non sono tenuti ad avere dimensioni standard; tuttavia proprio per tener fede allo scopo per cui dovrebbero essere acquistati generalmente non dovrebbero superare i 13/14 cm di altezza e i 10/11 cm di lunghezza.

Ma il portafogli ultra-slim sarà in grado di contenere tutto?

Se state pensando che, piuttosto che uscire con un portafogli alto una spanna, vi conviene lasciare tutto a casa, state sbagliando di grosso:

i portafogli dal design ultra-sottile affidano la propria innovazione a questa caratteristica: quella di essere progettati per contenere tutto ciò che potrebbe essere necessario nel corso della giornata, senza doverci privare di nulla che riteniamo importante.

Prima di procedere all’acquisto di un portafogli, facciamo un rapido riepilogo di tutto ciò che utilizziamo quotidianamente e di cui effettivamente non possiamo fare a meno:

  • Denaro: un portafogli deve avere sempre necessariamente almeno uno scomparto per le banconote e un altro spazio riservato alle monete, come per esempio una tasca con zip;
  • Carte: per carte si intendono tutte le tessere di cui ormai nella nostra vita quotidiana non possiamo più fare a meno, dalle carte di credito/bancomat/prepagate, alle tessere di fidelizzazione delle varie catene di negozi e supermercati; dalla Tessera Sanitaria alla tessera che contiene i buoni pasto elettronici, fino a quella che ci consente l’accesso al luogo di lavoro;
  • Identità: di solito un portafogli, anche se ultra-sottile, non può non prevedere un vano trasparente destinato alla carta di identità o alla patente di guida, o a qualunque altro documento che, nelle vostre attività quotidiane, dovete mostrare spesso, ma che non volete ogni volta tirare fuori e riporre, rischiando anche di rovinarlo, nella sua parte fisica, con le continue estrazioni;
  • Piccoli oggetti: chiavi di dimensioni ridotte, schede SIM e chiavette USB a volte possono trovare un adeguato piccolo alloggiamento in alcuni modelli; altri possono essere dotati di un gancio esterno per le chiavi che all’occorrenza può essere rimosso.

Le mie carte sono al sicuro?

Alcune delle nostre carte utilizzano la tecnologia RFID, acronimo di Radio-frequency identification, cioè in italiano identificazione a radiofrequenza.

Se vi state chiedendo a cosa serva questa premessa quando ci accingiamo a comprare un portafogli, allora siete proprio la vittima ideale dei ladri di identità. Ebbene sì, perché pare che questa tecnologia, di cui tutti beneficiamo per svariati utilizzi che vanno, appunto, dalle carte di pagamento ai microchip, ha – come spesso accade – un risvolto negativo in cui si intrufolano i malintenzionati. I dati contenuti nelle nostre carte, infatti, possono essere letti con un apposito reader o lettore da chiunque si avvicini ad una distanza adeguata, anche se in quel momento quelle determinate carte sono accuratamente (o così ci sembrava!) custodite nel nostro portafogli.

Alcuni portafogli sono dotati di un sistema che permette di schermare i tentativi di lettura di tutti i nostri documenti portatori di un RFID: troverete questa caratteristica adeguatamente segnalata.

Fasce di prezzo

Per quanto nel libero mercato le generalizzazioni nel campo del prezzo siano sempre soggette a molte oscillazioni, un utente medio potrà agevolmente notare che per ottenere un prodotto di qualità soddisfacente  non è necessario spendere più di 30 euro.

Ci sono tuttavia notevoli offerte soprattutto a seconda dei vari periodi dell’anno: in prossimità, infatti, di feste come S. Valentino, la festa del papà o il Natale si possono trovare degli sconti assolutamente interessanti, oltre ovviamente ai periodi in cui tante categorie di prodotti approdano nelle vetrine a prezzi comunque ribassati come nel caso dei saldi stagionali o in concomitanza con il Black Friday. In questi casi, ci si può portare a casa un prodotto di tutto rispetto anche spendendo tra i 15 e i 20 euro.

Il prezzo aumenta nel caso ci si voglia affidare ai brand più noti a livello nazionale o internazionale, o nel caso in cui si effettui una selezione sulla base del materiale di realizzazione più pregiato, che è ovviamente la vera pelle. Di grande fama quella italiana, spesso abbinata a finiture in metallo per garantirne la durabilità.


Dallo spettacolo al cinema, dall’arte al turismo naturalisitico, adoro tutto ciò che è bellezza e che ci fa comprendere il mondo in cui viviamo. Mi piace la tecnologia quando serva a rendere la nostra vita più leggera e più interessante. Sono laureata in Filologia e ho già all’attivo cinque pubblicazioni, quindi dovrei stare curva sui manoscritti ma… sono anche mamma di una stupenda famiglia, perciò mi piacciono anche le soluzioni concrete e condividere le mie esperienze. Quindi il mio credo è: le parole e la comunicazione sono un affare davvero molto serio!

Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Scelta Portafogli